none
Imparare a sviluppare con Visual C# WPF senza conoscere l'inglese RRS feed

  • Discussione generale

  • Vorrei imparare a fare programmi in Visual C# su interfaccia WPF interfacciandomi ad un database e usando librerie ma non conosco l'inglese, é possibile?

    Mi piacerebbe incominciare con l'ultima versione del programma (2012) ma on-line non trovo nessuna documentazione bibliografica. Vorrei che mi consigliaste 2 testi. Il primo mi piacerebbe che fosse molto semplice e che mi aiutasse a capire come si scrive in Visual C#, ad adoperare le interfacce grafiche più evolute come quelle WPF, le librerie del caso e a lavorare su un database con un numero di pagine piuttosto contenuto.

    Il secondo vorrei che fosse un manuale molto più completo di diverse centinaia di pagine da usare solo come testo di consultazione per problemi più specifici.

    Un amico programmatore mi ha consigliato di comperarmi un manuale e una reference.

    Attendo con ansia un vostro aiuto e spero di iniziare quanto prima

    P.S.: I testi devono essere rigorosamente in italiano! :)

    sabato 21 luglio 2012 16:19

Tutte le risposte

  • Ciao Ubaldo,

    libri su VS2012 credo che farai fatica a trovarli visto che non è ancora uscita la versione definitiva. Probabilmente li troverai a partire da ottore/novembre magari più in là se li cerchi in italiano.

    Come libro su C# 4 (2010) in italiano posso consigliarti l'ottimo

    C# 4. Guida completa per lo sviluppatore (Linguaggi &  programmazione)  di Daniele Bochicchio & C.

    il  sommario è questo

    Sommario
    Capitolo 1: Introduzione al .NET Framework
    Capitolo 2: Visual Studio 2010
    Capitolo 3: Sintassi di base
    Capitolo 4: Programmazione orientata agli oggetti
    Capitolo 5: Collections e generics
    Capitolo 6: Delegate ed eventi
    Capitolo 7: Approfondimenti al linguaggio
    Capitolo 8: Introduzione a LINQ
    Capitolo 9: Accesso ai dati
    Capitolo 10: Oltre l'accesso ai dati: Entity Framework
    Capitolo 11: XML e LINQ to  XML
    Capitolo 12: Windows Presentation Foundation - base
    Capitolo 13: Windows Presentation Foundation - concetti avanzati
    Capitolo 14: Applicazioni ASP.NET con C#
    Capitolo 15: Windows Communication Foundation
    Capitolo 16: Windows Service: sviluppo e installazione
    Capitolo 17: Distribuzione di framework e applicazioni
    Capitolo 18: La sicurezza nelle applicazioni per il .NET Framework
    Capitolo 19: Multithreading e ParallelFX
    Capitolo 20: Gestione dei file e del registry
    Capitolo 21: Networking ed accesso ad  internet
    Appendice A: Sviluppare con Windows 7
    Appendice B: Windows Azure
    Appendice C: Interoperabilità con DLL e COM

    Quanto al reference sono passati un poco di moda e sopratutto non mi risulta che ve ne siano in Italiano.

    Ciao


    Renato Marzaro  MVP Visual Basic

    http://community.visual-basic.it/renato

    sabato 21 luglio 2012 20:02
  • Ciao Ubaldo,

    come Reference puoi utilizzare, ONLine, MSDN

    Guida per programmatori C#

    ed in generale, sempre ONLine, le risorse MSDN per C# :

    Visual C#

    qui troverari sicuramente info anche su VS 2012 appena sarà disponibile.

    Ciao


    Renato Marzaro  MVP Visual Basic

    http://community.visual-basic.it/renato

    domenica 22 luglio 2012 06:38
  • Ho aperto da poco il tread e ho già ricevuto 2 risposte molto interessanti, Grazie mille!

    Secondo voi quando uscirà la versione definitiva di VS2012?

    La versione 2010 differisce molto dalla 2012?

    La cosa negativa di questi nuovi linguaggi e che sono sempre meno orientati ai dilettanti come me. Ricordo che il VB6 era molto semplice e con poche righe di codice si facevano davvero moltissime cose.

    ciao e grazie ancora

    domenica 22 luglio 2012 17:16
  • Ciao Ubaldo,

    la versione di VS2012 uscirà ad agosto di quest'anno

    Visual Studio 2012 and TFS 2012 Official Release Timeframe Announced

    differenze fra 2010 e 2012 ce ne sono tante ma se inizi da zero ci vorrà un pò di tempo prima di arrivarci quindi puoi tranquillamente iniziare a studiare con VS2010.

    NON concordo su quanto affermi sulla semplicità dei 'vecchi' linguaggi. Quelli attuali (C#, VB.NET) ti permettono di fare molte cose più velocemente e meglio. Come sempre (era così anche in VB6) si tratta di sapere quali sono le poche riche di codice da scrivere :-)

    Ciao


    Renato Marzaro  MVP Visual Basic

    http://community.visual-basic.it/renato

    domenica 22 luglio 2012 19:02
  • Ad agosto! Siii! Speriamo che escano presto anche dei buoni manuali in italiano! :)

    Grazie mille per le info

    martedì 24 luglio 2012 19:07
  • Sono appena tornato dalle ferie ed ho visto che la versione 2012 é stata finalmente rilasciata:

    http://microsoftstore.it/shop/it-IT/Microsoft/Visual-Studio-Ultimate-2012-con-MSDN

    Secondo voi ora che esiste una versione ufficiale a breve usciranno dei manuali oppure c'é il rischio che si debba ancora aspettare un bel po' di tempo?

    A prendere il primo manuale disponibile c'é il rischio di restare fregati dato che all'inizio non esisterebbero ancora molti commenti da esperti sul testo?

    In questo periodo sono impegnato con altro così posso aspettare ancora un poco...

    Scusate l'insistenza

    A presto e sempre grazie per i vostri consigli

    lunedì 27 agosto 2012 12:06
  • Sono appena tornato dalle ferie ed ho visto che la versione 2012 é stata finalmente rilasciata:

    http://microsoftstore.it/shop/it-IT/Microsoft/Visual-Studio-Ultimate-2012-con-MSDN

    Secondo voi ora che esiste una versione ufficiale a breve usciranno dei manuali oppure c'é il rischio che si debba ancora aspettare un bel po' di tempo?

    A prendere il primo manuale disponibile c'é il rischio di restare fregati dato che all'inizio non esisterebbero ancora molti commenti da esperti sul testo?

    In questo periodo sono impegnato con altro così posso aspettare ancora un poco...

    Scusate l'insistenza

    A presto e sempre grazie per i vostri consigli

    Il nuovo Visual Studi osul fronte WPF non introduce cambiamenti epocali, a parte il designer che è abbastanza differente (visto che è stato integrato parte di blend). In generale se non hai mai visto WPF e Visual Studio e devi iniziare da zero, puoi anche usare il 2012, i concetti di base sono gli stessi.

    L'interfaccia di Visual Studio appare differente, è tutta più flat e grigia :), però è sicurametne più performante ed efficente, quindi a mio avvisto tanto vale iniziare da li.

    Gian Maria.


    Ricci Gian Maria. (http://www.codewrecks.com)
    mercoledì 29 agosto 2012 09:37
    Moderatore
  • Capisco, grazie mille. Non mi resta che aspettare l'uscita di un buon manuale.

    C'é qualche sito su cui si presentano i nuovi manuali?

    A presto

    ciao a tutti

    mercoledì 29 agosto 2012 12:50
  • Ciao Ubaldo,

    in Italiano ad ottobre dovrebbe uscire questo

    Sviluppare applicazioni per Windows 8 con XAML, C# e VB

    Ciao


    Renato Marzaro  MVP Visual Basic

    http://community.visual-basic.it/renato

    giovedì 30 agosto 2012 10:48
  • Grazie Renato, una segnalazione stupenda e davvero molto utile, anche per gli altri iscritti alla discussione! Un sistema per sfruttare la tecnologia touch sarebbe un'innovazione davvero grandissima, specialmente se si pensa, come nel mio caso, di tradurre questi software in applicativi per telefonini. Sarà un libro che comprerò sicuramente però come secondo, per il momento credo che mi servirebbe qualcosa di più basilare perché io devo ancora capire come si scrive in Visual C# (il visual basic o altri linguaggi non mi interessano) e come si usano le WPF. Lo scolio più grande sarà sicuramente il database perché in passato ho programmato tantissimo (prima con visual basic, poi con R ed in fine con matlab) ma sempre e solo per fare programmi di calcolo (non so neanche fare una query quindi potete immaginare). Le uniche volte che mi sono dovuto scontrare con i database é stato quando ho imparato a fare siti con drupal ma non é che valga molto come esperienza in quanto era già tutto belle che pronto.

    giovedì 30 agosto 2012 12:07
  • Grazie Renato, una segnalazione stupenda e davvero molto utile, anche per gli altri iscritti alla discussione! Un sistema per sfruttare la tecnologia touch sarebbe un'innovazione davvero grandissima, specialmente se si pensa, come nel mio caso, di tradurre questi software in applicativi per telefonini. Sarà un libro che comprerò sicuramente però come secondo, per il momento credo che mi servirebbe qualcosa di più basilare perché io devo ancora capire come si scrive in Visual C# (il visual basic o altri linguaggi non mi interessano) e come si usano le WPF. Lo scolio più grande sarà sicuramente il database perché in passato ho programmato tantissimo (prima con visual basic, poi con R ed in fine con matlab) ma sempre e solo per fare programmi di calcolo (non so neanche fare una query quindi potete immaginare). Le uniche volte che mi sono dovuto scontrare con i database é stato quando ho imparato a fare siti con drupal ma non é che valga molto come esperienza in quanto era già tutto belle che pronto.

    In realtà se non devi gestire database mostruosi, puoi usare Entity Framework e fare query con LINQ. Per cui alla fine non devi avere conoscenze particolari di sintassi SQL.

    Gian Maria.


    Ricci Gian Maria. (http://www.codewrecks.com)
    mercoledì 5 settembre 2012 08:59
    Moderatore
  • Voglio utilizzare tutti gli strumenti più performanti perché a me interessa imparare a programmare da vero professionista. :) Voglio fare le cose bene! :)

    Grazie comunque della segnalazione.

    sabato 8 settembre 2012 11:11
  • Qualcuno di voi si ricorda dopo quanto tempo sono usciti i manuali più gettonati, che oggi consigliate nei forum, rispetto al rilascio della versione 2010 di Visual Studio?
    sabato 8 settembre 2012 11:14
  • Voglio utilizzare tutti gli strumenti più performanti perché a me interessa imparare a programmare da vero professionista. :) Voglio fare le cose bene! :)

    Grazie comunque della segnalazione.

    Se posso permettermi un suggerimento ...

    ho notato nel thread che cerchi con insinstenza un "manuale", immagino cartaceo.
    Ti suggerirei, in attesa cheil manuale venga scritto, stampato, distribuito e publicizzato di rivolgerti alla documentazione e alle comunity onLine.

    MSDN oramai ha raggiunto degli ottimi livelli multilingua, ovvero trovi tutto in un Italiano abbastanza ben tradotto.
    MSDN è la FONTE di OGNI informazione ... ma a volte non è chiaro come usarle ;) e quindi si ci confronta con gli altri che magari le hanno già usate per capire meglio;)

    Quindi se vuoi programmare da vero artista professionista ti consiglio di prendere VS express, esempi, community ed iniziare a "sporcarti le mani" e magari dopo che hai giocato un po' con i mattoni ci sarà il libro pronto che ti aiuterà ad organizzare in modo più professionale l'esperienza che ti sarai fatto.

    Considera una cosa che creare un SW è come creare un mini-mondo che interagisce in un universo scritto da tuoi pari.
    Quindi sarà dura all'inizio capirci qualcosa ... troverai pareri e soluzioni differenti, magari giuste entrambe, per lo stesso quesito .... ma alla fine è molto appagante poter creare dal nulla dei robottini al tuo servizio ;)

    Per rispondere in sintesti alla tua domanda: usa le risorse OnLine italiane, c'è molta gente in gamba che ha il tempo di condividere le proprie esperienze.
    In bocca al lupo e spero di darti presto il benevenuto tra quei pazzi, detti sviluppatori, che fanno funzionare il mondo ma nessuno capisce che cosa realmente facciano ;)

    Bye


    Davide Dolla

    mercoledì 26 settembre 2012 19:15
  • Grazie Davide, sto già smanettando!
    mercoledì 26 settembre 2012 21:44
  • bene!

    Allora avrai già visto come è bello lavorare in WPF ... occhio che se pensi di usare le cose che crei in WPF dentro SL considera che un po di cose in SL mancano ... cmq il concetto UI che c'è dietro è uguale, ma non potrai usarle direttamente.

    Premetto che ho usato, con piacere, WPF in un paio di progetti ed è sicuramente il futuro della UI nelle applicazioni WinForm moderne .... ma occhio ... che non mi pare sia molto usato dalle softwarehouse.
    Quindi se stai studiano per trovare lavoro ... ti suggerirei altri ambiti (putroppo ... l'inerzia sociale è molto forte).

    Se hai necessità e ti trovi bloccato posta in qualche forum MS e mandami una email con il riferimento al thread ... gli darò sicuramente un occhiata.

    Good luck!


    Davide Dolla

    mercoledì 26 settembre 2012 22:05
  • Scusa l'ignoranza ma cosa intendi dire per SL? Qual'é il linguaggio più utilizzato dalle software house?

    Forse molte aziende che fanno programmi non hanno voglia di riscrivere il loro programma usando un linguaggio differente anche per una questione di quantità di righe di codice.

    Anche il java é in continuo rimodernamento come il C e il Visual Basic?

    giovedì 27 settembre 2012 11:08
  • scusami ... ma l'uso delle sigle è, a volte, una brutta abitudine ;)

    SL = Silverlight => "ambiente di sviluppo" di MS per applicazioni che funzionano dentro un browser, tipo Adobe Flash

    Non saprei quale sia il linguaggio più usato ... non sono nel mondo delle big ... ma per quello che ho potuto vedere per le applicazioni WinForm in Italia sono linguaggi che non c'entrano nulla con il moderno (VB6, Access, Pascal, Delphi, ecc).

    Diciamo più che la voglia entrano in gioco altri fattori quali ignoranza, investimenti economici, paura di perdere potere, paura (reale) di infilarsi in un "cul de sac", difficolta di trovare dei seri professionisti e non i soliti blasonati, ecc ecc
    Che per brevità chiamo "inerzia sociale" e per la quale non c'è soluzione tecnica.


    Io conosco bene il C# e quindi non saprei dirti di Java, ma VisualBasic è un linguaggio che resiste non perché abbia delle qualità, ma solo perché tanti hanno iniziato con quello e non vogliono cambiare.
    Cmq considera che non è tanto il linguaggio che si evolve, ma le librerie (raccolte di oggetti che fanno delle cose specifiche) e le tecnologie (WPF, WCF, JSON, AJAX, HTML5, CSS, ecc) con le quali vengono superate delle limitazioni o ideati dei nuovi modi per creare "cose" o soluzioni che servono poi allo sviluppatore finale per dare un'esperienza d'uso particolare all'utilizzatore. Quindi tutto è sempre in evoluzione ;) ... ed è anche per questo che non si può essere bravi su tutto!

    Creare SW è come fare un film, ma non puoi fare il montaggio e decidere ogni singolo fotogramma. Devi prevedere "tutto", descrivere "tutto", istruire su "tutto" quello che dovrà fare ... e poi fai il ciack e speri che l'utente si comporti come hai previsto e che lo stesso faccia il codice che hai scritto.

    Se mi permetti una sintesi filosofica: un sowftware non potrai mai vederlo funzionare, potrai solo vederne il risultato grafico o leggerne la trama nei sorgenti, ma MAI VEDERLO funzionare. 
    Curioso no? ;)


    Davide Dolla

    giovedì 27 settembre 2012 12:28
  • Davide permettimi ma sei anche filosofo oltre che un programmatore! :) Oggi ho appreso, se non ho capito male, che da febbraio 2013 ci saranno dei nuovi libri su C# e mi é sembrato opportuno, dato che altri potrebbero leggerci, fare il punto della situazione.

    http://books.aspitalia.com/CSharp-5/

    Se altri di voi nei prossimi giorni scoprissero altri volumi sull'argomento sarei veramente felice di vederli insieme a voi.

    Ciao


    domenica 30 settembre 2012 23:11
  • Davide permettimi ma sei anche filosofo oltre che un programmatore! :) Oggi ho appreso, se non ho capito male, che da febbraio 2013 ci saranno dei nuovi libri su C# e mi é sembrato opportuno, dato che altri potrebbero leggerci, fare il punto della situazione.

    http://books.aspitalia.com/CSharp-5/

    Se altri di voi nei prossimi giorni scoprissero altri volumi sull'argomento sarei veramente felice di vederli insieme a voi.

    Ciao

    Direi che sarebbe interessante fare un bel post con la lista libri (è un argomento molto chiesto) e mettere sticky il post.

    Gian Maria


    Ricci Gian Maria. (http://www.codewrecks.com)
    lunedì 1 ottobre 2012 13:50
    Moderatore
  • Ottima idea, il problema é che nel 2014 esce una nuova versione di C# così non si fa in tempo a finire di capire come usare un prodotto che bisogna già imparare a leggere la nuova versione. Un impegno mostruoso e antieconomico per un non-programmatore.

    lunedì 1 ottobre 2012 13:58
  • Ottima idea, il problema é che nel 2014 esce una nuova versione di C# così non si fa in tempo a finire di capire come usare un prodotto che bisogna già imparare a leggere la nuova versione. Un impegno mostruoso e antieconomico per un non-programmatore.

    eheheheh per questo che IMO non bisogna usare i libri se si vuole stare al passo con l'avanzamento di tecnologie .... bisogna usare un approccio dinamico e focalizzato su quello che ti serve per fre quello che devi fare ;) .

    Per la "nuova" versione del C# io non mi preoccuperei, perché magari saranno solo alcune novità e tutto rimarrà invariato. io sono passato dal C# 2.0 al 4.0 senza accorgemene e senza avere problemi e solo ultimamente sto usando alcune delle nuove features.

    Ripeto, a mio avviso un approccio accademico standard alla programmazione e alla tecnologia informatica è impraticabile in quanto le novità in ogni settore escono ad una velocità superiore a quella che il cilco della produzione di un libro permetta.

    Suggerirei un approccio più "fuzzy", ovvero: cerco di capire a sommi capi come funionano le cose e le tecnologie e poi approfondisco nel dettaglio quando mi serve usare quella cosa.

    Approccio che grazie ad Internet è alla portata di tutti a costo risibile.

    PS: Ubaldo, mi ha molto colpito al tua voglia di diventare un programmatore e non vorrei disilluderti, ma penso che sia uno dei lavori più difficili e meno considerati dalla massa in assoluto. Se vuoi e per riuscire ad suggerirti meglio mi diresti a grandi linee quanti hanni hai e la tua formazione? Io ho 43 anni e avevo studiato da Perito Elettronico.
    Giusto per darti un informazione statistica penso di aver leggiucchiato 2/3 libri al massimo sulla progammazione, per il resto auto-didatta tramite hands-on, forum, esempi e documentazione ufficiale.


    Davide Dolla

    lunedì 1 ottobre 2012 14:38
  • Direi che sarebbe interessante fare un bel post con la lista libri (è un argomento molto chiesto) e mettere sticky il post.

    Gian Maria


    Ricci Gian Maria. (http://www.codewrecks.com)

    Già, ottima idea Gian Maria! Mi metto all’opera per creare tal post, lascerò anche qui il collegamento quando il sticky sarà pronto.



    Irina Turcu - Microsoft

    [Manifesto] Regole e Aspetti generali all'uso dei forum MSDN

    Questo contenuto è distribuito “as is” e non implica alcuna responsabilità da parte di Microsoft. L'azienda offre questo servizio gratuitamente, allo scopo di aiutare gli utenti e approfondire la loro conoscenza dei prodotti e tecnologie Microsoft.

    LinkedIn

    venerdì 5 ottobre 2012 12:29
  • Ora, il thread FAQ, dritte e guide su C# contiene una lista di libri italiani nella sezione "Libri in italiano".

    <QUESTO CONTENUTO È DISTRIBUITO "AS IS", ESCLUDENDO OGNI FORMA DI RESPONSABILITÀ DI QUALUNQUE GENERE, ESPLICITA O IMPLICITA>

    Grazie
    Il Supporto delle Comunità MSDN

    Vi preghiamo di ricordare a “Segnare come Risposta” i post che risolvono il vostro problema. Questa è di solito una modalità di riconoscimento verso chi vi ha aiutati, facilitando per il futuro la scoperta della risoluzione per gli altri visitatori.

    mercoledì 27 agosto 2014 12:48